Visualizzazioni totali

venerdì 14 luglio 2017

Viaggi e persone



Una sfida all'ortografia. NE CHERCHE PAS A SAVOIR
Vive l'orthographe: NE CHERCHE  PAS A SAVOIR




Viaggi e persone
Venerdì 7luglio partiamo da Bouar, direzione Yaounde, la capitale del Camerun. Ci sono un po’ più di 700 km di strada, e di mezzo c’è l’incognita della frontiera, per cui ce la prendiamo con calma. Siamo io, p.Saverio, p.Cyriaque, fr.Louis Blaise e la suor Christine, che lascia Bozoum per rientrare in Congo.
Il passaggio della frontiera riusciamo a farlo facilmente, anche se comunque, tra scrivere e trascrivere e timbrare, ci vuole una buona ora e mezza. Dopo una breve sosta a Garoua Boulay proseguiamo per Bertoua, dove passiamo la notte.
Viaggiare è sempre un’incognita! Ci sono molti camion, alcuni con scritte interessanti, e guardare panorami e gente è sempre interessante.
Sabato mattina partiamo alle 5.30, e verso le 10 siamo a Yaounde. Qui i Carmelitani hanno due comunità. Ci fermiamo un momento nella parrocchia di Nkoabang, all’entrata della città, e poi proseguiamo verso il convento di Nkolbisson. Come al solito in città c’è molto traffico, e ci vuole quasi un’ora per attraversarla.
In pomeriggio e domenica ci incontriamo con i padri di qui. Ci sono anche due padri della nostra Provincia (p.Domenico Rossi e p.Marco Gazzoli).
Domenica pomeriggio porto p.Saverio all’aeroporto di Yaounde, da dove parte per rientrare in Italia.
Lunedì mattina sono andato dalle Monache Carmelitane per celebrare la Messa, ma anche per dare qualche consiglio sul loro forno a legna!
In pomeriggio e p.Cyriaque iniziamo il viaggio di ritorno. Passiamo la notte a Bertoua, e martedì mattina partiamo presto, e alle 11.30 siamo già a Bouar. Io proseguo il mio viaggio ed arrivo a Bozoum in serata.
In questi giorni qui a Bozoum ricominciano a circolare voci di un attacco da parte della Seleka, che è ad un centinaio di kilometri. Molti commercianti sono scappati, e noi cerchiamo di tranquillizzare la gente, anche con azioni semplici, come l’andare al mercato a comprare qualche pomodoro…
Speriamo!












Posta un commento