Visualizzazioni totali

sabato 23 maggio 2015

Sale e olio...






Sale e olio...
In queste settimane ci avviamo verso la fine dei corsi di catechismo per bambini, giovani e adulti. Il catechismo per i bambini è diviso in 5 anni, con il Battesimo al 4° e la Cresima al 5° anno.
Ma ogni anno di catechismo è marcato da un piccolo segno. Il 1° anno c’è una medaglietta, il secondo il sale (che nei riti prebattesimali indica il “gusto” divivere in Cristo), il terzo l’olio dei catecumeni. Ed in queste domeniche, dopo un piccolo esame di verifica, i candidati ricevono uno di questi segni. Domenica 17 maggio era l’INGO (sale, in sango).
Il lunedì sono partito per Bouar, ed il martedì abbiamo fatto una grande riunione con tutte le 12 parrocchie della Diocesi per la Commissione “Giustizia e Pace”. Era da quasi 3 anni che non avevamo potuto riunirci, ed è stato molto interessante scambiare le informazioni, ma anche le esperienze e le lotte che facciamo regolarmente per la Giustizia e per la Pace.
Il giorno seguente sono rimasto a Bouar per iniziare un atelier della Caritas, con CRS (Caritas degli USA) per iniziare il progetto delle Comunità di Risparmio e Credito Interno, che aiuterà molte persone a migliorare il risparmio e ad ottenere prestiti.
Il giovedì pomeriggio ero in riunione con i responsabile dei Seminari di Bouar (Carmelitani, Cappuccini e Diocesani). Più di 200 ragazzi (dalla fine delle Elementari al Liceo) sono accolti, educati e formati. Un grande lavoro educativo! Alcuni diventeranno religiosi e sacerdoti, ed altri no. Ma tutti hanno la possibilità di vivere una forte esperienza religiosa ed umana.  
Il venerdì rientro finalmente a Bozoum,  dove trovo una bella novità: l’antenna per la Radio! Sarà una radio che trasmetterà dalla Parrocchia di Bozoum!  Nelle prossime settimana i lavori per l’installazione andranno avanti, e speriamo di iniziare ad emettere entro la fine di giugno!
Domani, domenica 24 maggio, salutiamo suor Graziana, che dopo 28 anni di Africa parte definitivamente per l’Italia. Tra qualche mese anche le altre suore Francescane ci lasceranno, purtroppo! Ma in agosto arriveranno le suore della Misericordia, che assicureranno così la continuità, e quel tocco femminile che nella vita e nella parrocchia aggiunge quel buon profumo di tenerezza e misericordia.







Suor Solange (voce) e suor Chiara (chitarra)

Suor Graziana



sabato 16 maggio 2015

Buongiorno!






Buongiorno!
Lunedì inizia con un incontro con il nuovo personale della Cassa di Risparmio e Credito di Bozoum. Sono 13 persone che entrano in formazione per 4 giorni sulla gestione della Cassa, e sul marketing.
Sono entusiasti, e con loro parlo del paese, e di come il loro ruolo possa essere decisivo per molta gente che vuole mettere in sicurezza i risparmi, ed ottenere qualche credito per migliorare la propria vita.

Proprio in questi giorni abbiamo fatto un piccolo punto sulla situazione. A Bozoum gli aderenti alla cassa di risparmio sono 2.700. Un numero molto alto, per una città di meno di 20 mila abitanti!
Lunedì è anche il giorno di chiusura del Forum di Bangui. Da una settimana 600 persone, provenienti  da tutto il paese, sono riunite per discutere e cercare una via per la pace. Molte parole, qualche speranza... Molti complimenti... ma inizio a temere quando certe istituzioni e certi “Alti Rappresentanti” li fanno! Si vedrà! Ma il giorno della chiusura è segnato subito da scontri e manifestazioni, con spari ed esplosioni...
Martedì mattina alle 5 parto per Bangui, sperando che la strada sia libera. Arrivo a Bangui senza problemi alle 11, e dopo qualche riunione, vado all’aeroporto ad accogliere p.Daniele Corti, un giovane padre toscano, che viene per la comunità di Baoro.
Il giorno dopo partiamo per Baoro, dove arriviamo in serata. Qui troviamo p.Lionello e p.Dieudonné che ci accolgono. Prima di cena ci riuniamo insieme per “inaugurare” la nuova Comunità, che riprende il suo cammino, dopo la morte improvvisa di p.Renato in marzo.
Il giovedì qui in Centrafrica si festeggia l’Ascensione. Parto alle 6 da Baoro, e dopo un caffé dalle suore di Bossemptele, arrivo a Bozoum prima delle 10, grazie anche alla macchina nuova... che è finalmente arrivata! Grazie a tutti gli amici e alla nostra Procura!
In questi giorni i vescovi del Centrafrica sono a Roma. Ogni 5 anni circa hanno la “visita ad limina”: incontrano le varie Congregazioni, fanno rapporto e, soprattutto, portano la Chiesa locale alla Chiesa Universale e la Chiesa universale alla Chiesa locale. Ieri, venerdì, hanno incontrato il Papa, che ha incoraggiato la Chiesa e il Centrafrica in questo momento particolare. Ci invita ad approfondire e rendere sempre più vivo il Vangelo che abbiamo ricevuto!








la chiesa di Baoro
l'eglise de Baoro



sabato 9 maggio 2015

Maggio 2015







É iniziato il mese di Maggio. Ci avviciniamo alla fine dell’anno scolastico, ed è il mese mariano per eccellenza: il Rosario, questa preghiera semplice e umile, per gente semplice e umile, ci fa passeggiare tra le bellezze dei misteri di Dio.
In questi giorni è finalmente iniziato il Forum di Bangui: un momento atteso da mesi! Circa 600 delegati di tutto il paese stanno discutendo e dialogando per cercare di far uscire il paese dall’abisso in cui si trova. La speranza è tanta, ma anche i dubbi e le incertezze. É necessaria di avere l’onestà di andare fino in fondo ai problemi, e di avere il coraggio di cambiare decisamente...
Lunedì festeggiamo con le Suore il compleanno di p.Enrico Redaelli.
Sono con noi anche Mario (Super Mario, il tuttofare)  e sua moglie Luigina, che ci aiuta ad arricchire la tavola con qualche bontà emiliana. Abbiamo invitato anche un bel pesce , un “capitain”, pescato nel fiume Ouham qui a Bozoum.
Martedì parto insieme all’ONG CRS (Caritas degli USA) verso Bocaranga e Ndim. É l’occasione per incontrare la gente ed i missionari che lavorano più a Nord. Con loro discutiamo del progetto per la sanità, che prenderà in carico le spese per le visite ed il parto  per qualche migliaio di donne, metterà a disposizione delle carrozzine per gli handicappati, ed assicurerà cibo ai malnutriti e medicine e cure ai più poveri. Il tutto grazie all’aiuto del governo della Rep.Ceca. Presento inoltre il progetto di CRS, per aiutare la gente a formare piccoli gruppi per il risparmio ed il credito...
In questi giorni passano molti organismi, agenzie delle Nazioni Unite, Casch Blu... Molto movimento, e speriamo anche in qualche risultato!
 




Un "CAPITAIN" (Later Niloticus, o Persico del Nilo) pescato a Bozoum: 120 cm e 45 kg di peso...
un "CAPITAINE" (Later Niloticus) pris dans l'Ouham à Bozoum: 120 cm et 45 kg de poids!


Mario e Luigina

Missione Caschi Blu: dalla Bolivia, dall'Egitto, dallo Zambia


Buon compleanno
Joyeux Anniversaire













venerdì 1 maggio 2015

Lavoro e non lavoro...








Lavoro e non lavoro...
La settimana scorsa ho parlato di km a manciate... e mi sono dimenticato di dire quanti erano: 2.300 km...
Domenica scorsa l’ho passata nella nostra comunità di Yaounde. Qui i confratelli festeggiavano il Priore, p.Marco Gazzoli. In pomeriggio l’hanno vestito come un re tradizionale: un mantello colorato e un bastone in ebano. Una bella occasione di scambio tra lui ed i giovani della comunità, dove è arrivato da pochi mesi.
Lunedì mattina partiamo verso il Centrafrica, e verso le 17 siamo finalmente a Bouar, dopo quasi 900 km.
Il martedì ho alcune riunioni, ed incontro un’ONG americana, CRS, con la quale discutiamo su una collaborazione per un progetto di microcredito.
Il mercoledì parto  da Bouar, ma c’è un lungo convoglio di almen un centinaio di camion che blocca la strada. Riesco a sorpassarli, ma mi trovo bloccato da una barriera, che alcuni giovani della città hanno piazzato. Come tutti i camion, sono obbligato a pagare, e quando mi lasciano passare, vedo con stupore che dall’altra parte c’è un blindato e un camion dei Caschi Blu della Minusca! Sopra ci sono i militari, che osservano divertiti la barriera, e NON fanno niente! Putroppo rischia di essere un’immagine emblematica di quella che è la presenza dell’ONU in Centrafrica: molti mezzi, molti militari (oltre 10.000), molti molti soldi, e pochissimi risultati...
Rientro mercoledì a Bozoum, dove trovo la marea di bambini nelle nostre scuole, e la mia gente.
Oggi, 1° maggio, gli insegnanti si organizzano per fare un po’ di festa. Ed al mattino, durante la Messa, benedico gli strumenti di lavoro, che la gente presenta  orgogliosa: sementi, zappe, bic, libri, posate, ago e forbici...





P.Marco Gazzoli



La comunità dei Carmelitani di Nkolbisson, a Yaounde (Cameroun)
La communauté des Carmes de Nkolbisson, à Yaounde, Cameroun

Saidou, con un ovetto Kinder (pubblicità occulta!)

Barriera a Bouar:  i giovani bloccano la strada, sotto gli occhi divertiti dei Caschi Blu
à Bouar, les jeunes bloquent la route et raquetent les camions, sous les yeux amusés des Casques Bleus




sabato 25 aprile 2015

Kilometri a manciate








Kilometri a manciate
Dopo le Cresime di domenica 19 aprile, il lunedì i ragazzi e ragazze del nostro Liceo St.Augustin iniziano un paio di settimane di stage presso le varie ONG presenti a Bozoum (ACTED, Poles de Developpement, INTERSOS) e presso la nostra Cassa di Risparmio. É un’esperienza molto importante, che li mette di fronte al mondo del lavoro, e che speriamo li aiuti a capire la differenza tra la scuola e la vita...
Martedì riprendo la strada. Dopo una sosta a Baoro, in pomeriggio sono a Bouar per alcuni incontri e riunioni. Il mercoledì pomeriggio raggiungo p.Marcello, e con lui partiamo verso il Cameroun. Dopo la frontiera, a Garoua Boulay, incontriamo Yussuf, un amico musulmano che ha dovuto fuggire da Bangui l’anno scorso, e che ha iniziato qui un’attivita di allevamento di galline ovaiole. Adesso sono “solo” 26 mila, ma conta di arrivare a 100.000 galline!
Il giovedì arriviamo a Yaounde, a oltre 1.100 km da Bozoum. Le strade sono belle e non ci sono troppe noie con la polizia che “infesta” la strada con una ventina di barriere...
Qui a Yaounde incontro le comunità carmelitane del Cameroun, ed anche i p.Domenic e Marco della nostra Provincia, che sono qui a dare man forte, insieme a p.Marie Joseph, francese. Qui ci sono anche due dei nostri giovani religiosi centrafricani, che stanno facendo gli studi di teologia.
Il sabato mattina parto per Douala, dove posso comprare un po’ di libri per la scuola, ed incontro una ditta cinese per acquistare una macchina per decorticare il riso per Bozoum.
Lunedì penso di rientrare in Centrafrica, dopo qualche manciata di kilometri.













Douala